Comunicati stampa

  • ASSICA: dall’Europa una minaccia per le nostre produzioni

    ASSICA si dice sconcertata dal “Piano d'azione per migliorare la salute dei cittadini europei" (Europe's Beating Cancer Plan – let's strive for more), che oggi la Commissione Europea ha presentato alla vigilia della Giornata mondiale contro il cancro (4 febbraio). Nel documento, elaborato dalla DG SANTE della Commissione, c’è la volontà di eliminare dai programmi di promozione i prodotti agroalimentari associati ai rischi di tumore, tra i quali vengono citate le carni rosse e trasformate.

  • ASSICA indice una gara per una campagna di informazione e promozione da svolgersi in Italia e Belgio

    L'incarico, della durata di 36 mesi, riguarda la realizzazione di attività finalizzate al raggiungimento degli obiettivi previsti dal programma presentato ai sensi del Reg. (UE) 1144/2014. Le attività da svolgere riguardano principalmente: ufficio stampa, PR radio e TV, web e social media, pubblicità su riviste e online, strumenti di comunicazione e video, promozione nei punti vendita.

  • Produzione e consumi 2019: - 0,7% sull'anno precedente

    In contrazione i prosciutti crudi stagionati, la mortadella, e i wurstel. In crescita la bresaola e il salame. Il 2019 è stato un anno difficile per il comparto delle carni suine e in particolare per i produttori di salumi. Il settore ha dovuto confrontarsi con una domanda, sia interna sia soprattutto estera, debole e una repentina e importante crescita dei prezzi della materia prima. L’aumentata domanda cinese a causa della PSA e dei conseguenti abbattimenti di suini nel Paese del dragone, infatti, ha messo sotto pressione il mercato europeo delle carni suine, determinando un aumento dei prezzi che partendo dalla Spagna, principale Paese fornitore della Cina, si è via via esteso a tutti gli altri colpendo anche l’Italia a partire da marzo 2019.

  • Assemblea ASSICA 2020: il settore salumi va avanti, tra luci e ombre

    Covid19, primi tre mesi del 2020: -20% delle vendite dal canale HO.RE.CA. Export: in contrazione i volumi inviati, in aumento il valore. “Con la diffusione del COVID-19, siamo stati catapultati da una situazione che ci sembrava difficile ad una realtà ancora più dura, inimmaginabile, e con gravi effetti sulle persone e sull’economia mondiale. In questa situazione, ha affermato Nicola Levoni, Presidente di ASSICA – ci siamo tutti impegnati per continuare a produrre garantendo la sicurezza per i nostri lavoratori e le loro famiglie, assicurando al contempo le forniture di cibo buono, sano e sicuro”.

  • Dazi USA: nessun incremento per prosciutti crudi e prosciutti cotti

     I dazi USA scatteranno il prossimo 18 ottobre 2019, la tariffa che si abbatterà sull'agroalimentare Made in Italy sarà pari al 25%. Tra i prodotti che saranno colpiti dal dazio aggiuntivo del 25% ad valorem rientrano i salami e le mortadelle: esclusi i prosciutti crudi stagionati, lo speck e i prosciutti cotti.