News

Finanziaria 2022: le principali misure di interesse

Come ogni anno, in data 31 dicembre 2021, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la c.d. Legge di Bilancio 2022 (Legge n. 234/21 del 30 dicembre 2021) con numerose misure di interesse per il settore delle carni.

Il provvedimento contiene numerosi passaggi funzionali alla realizzazione dei progetti per l’attuazione del PNRR al fine di poter raggiungere gli obiettivi di sostenibilità richiesti dall’Europa. È stata riservata grande attenzione anche al tema della crisi energetica che sta colpendo la nazione e che si riflette per converso, su tutti i settori produttivi e sui consumi.
Non mancano, infine, modifiche strutturali all'assetto legislativo nazionale, specie in termini fiscali.
In poche parole, con la “finanziaria” di quest’anno, il Governo predispone una sorta di cornice normativa rispetto alla quale si riserva di intervenire nel corso dell’anno per il raggiungimento degli obiettivi dichiarati.

Di seguito un breve riepilogo delle misure di principale interesse per le imprese del settore.

Partiamo dai provvedimenti di natura fiscale. Al fine di stimolare i consumi, il governo ha adottato una riforma delle aliquote IRPEF (che passano da 5 a 4 e modificano gli scaglioni), una rimodulazione delle detrazioni da lavoro dipendente e l’abolizione dell’IRAP per le Partite IVA (autonomi, ditte individuali e liberi professionisti).

Sempre al fine favorire la ripresa economica del Paese, sugar tax e plastic tax sono state rinviate al 2023. Come spesso segnalato dal nostro settore, si tratta di imposte che necessitano di un profondo ripensamento (se non una vera e propria abrogazione).

Con particolare riguardo alla c.d. plastic tax, a nostro avviso, sarebbe opportuno rivalutare la ratio alla base della misura. In poche parole, è necessario ripensare all’intera strategia nazionale affinché la norma non si limiti ad essere un mero onere per l’utilizzatore degli imballaggi ma coinvolga anche il consumatore finale con incentivi concreti per favorire le c.d. buone pratiche lungo tutta la filiera.

Considerato il buon successo degli scorsi anni, vengono riconfermate credito di imposta impresa 4.0 e Nuova Sabatini.

Per quanto riguarda la prima, è stata estesa fino al 30.6.2026 (purché l'acconto venga versato entro il 31.12.2025) e riarticolata in modo differente a seconda dei beni oggetto dell'investimento. I beni c.d. sub allegato A (beni materiali con tecnologie 4.0) beneficiano di credito di imposta a scaglioni di investimento nel periodo dal 1.1.2023 fino al 31.12.2025 o fino al 30.6.2026 se entro 31.12.2025 viene versato acconto.

Il credito d’imposta è pari a:
• 20% fino a 2,5 mio euro di investimento
• 10% tra 2,5 e 10 mio euro di investimento
• 5% oltre i 10 mio euro di investimento e con tetto massimo di spesa ammissibile pari a 20 milioni di euro.

I beni c.d. sub allegato B (beni immateriali funzionali a transizione 4.0) beneficiano di credito di imposta variabile in base all’anno e con un tetto di investimento pari a 1 mio euro. In particolare:
• 20% fino al 31.12.2023 (o 30.6.2024 con acconto 2023)
• 15% nel 2024 (o fino al 30.6.2025 con acconto nel 2024)
• 10% nel 2025 (o fino al 30.6.2026 con acconto nel 2025)

La Nuova Sabatini viene invece rifinanziata con 900 milioni di euro fino al 2027, ripristinando il tetto di 200.000 euro per la liquidazione del contributo in un’unica soluzione.

Viene poi istituito un fondo per il raggiungimento dei target europei di lotta al cambiamento climatico. La misura sarà gestita dal MISE, avrà una dotazione di 150 mio euro l'anno dal 2022 e potrà essere impiegato per agevolazioni alle imprese, con particolare riguardo a quelle che operano in settori ad alta intensità energetica, per la realizzazione di investimenti per l'efficientamento energetico, per il riutilizzo per impieghi produttivi di materie prime e di materie riciclate.



Di grande interesse anche il fondo per investimenti pubblici e privati in Paesi esteri per la transizione climatica verso i target internazionali. Tale misura sarà gestita dal MITE insieme al MAECI e avrà una dotazione di 840 mio euro dal 2022 al 2026 e di 40 mio euro dal 2027.

Come anticipato, il governo è intervenuto al fine di provare ad arginare il problema dei costi energetici con una serie articolata di misure limitate, tuttavia, al primo trimestre 2022.
In particolare, vengono annullati gli oneri generali di sistema per le forniture di energia elettrica domestica e per le forniture di energia elettrica non domestica in bassa tensione con potenza fino a 16,5 Kw. È stata inoltre disposta una riduzione degli oneri generali di sistema per tutte le altre utenze non domestiche.
Viene infine ridotta al 5% l’IVA sulle utenze di gas relative a consumi stimati o effettivi di gennaio, febbraio e marzo 2022 e contestuale riduzione nello stesso periodo degli oneri generali di sistema.

Venendo quindi alle misure in ambito più strettamente agroalimentare, grande attenzione è stata riservata agli investimenti e agli interventi di ordine finanziario che il dicastero agricola potrà mettere in atto per il tramite di ISMEA.

In particolare, è stata autorizzata (per il 2022) una spesa di 50 milioni di euro da parte di ISMEA per l'effettuazione di interventi finanziari in società, economicamente e finanziariamente sane, che operano nella produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, della pesca e dell'acquacoltura soggetti alla politica comune dell'agricoltura e della pesca dell'UE nonché dei beni prodotti nell'ambito delle relative attività agricole cosiddette connesse.
Tali fondi alimenteranno dunque misure di intervento diretto da parte di ISMEA per la partecipazione a investimenti di determinati anelli produttivi o a progetti di filiera, secondo quanto verrà attuato nel corso dall’anno da ISMEA stessa con proprie comunicazioni.

Sono stati stanziati inoltre 10 milioni di euro per la concessione di garanzie a fronte di finanziamenti a breve, a medio ed a lungo termine destinati alle imprese operanti nel settore agricolo, agroalimentare e della pesca.
Sono state inoltre riconfermate ed estese alcune misure in favore dello sviluppo dell'imprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale alle imprese agricole a prevalente o totale partecipazione femminile. In questo senso, è stato incrementato con ulteriori 5 milioni di euro (per il 2022) il Fondo rotativo per favorire lo sviluppo dell'imprenditorialità femminile in agricoltura e sono stati previsti ulteriori 15 milioni di euro al fine di finanziare attività in favore dello sviluppo dell'imprenditorialità in agricoltura e del ricambio generazionale.


Si istituisce, infine, nello stato di previsione del MIPAAF, un Fondo con una dotazione di 500.000 euro per il 2022, di cui 50.000 euro riservati alle attività di rilevazione nel settore dell'olio, al fine di potenziare l'attività di rilevazione dei prezzi dei prodotti agricoli nelle diverse fasi della filiera a supporto degli interventi previsti dall'organizzazione comune di mercato dell'Unione europea.

Tra le misure di maggior interesse, vi è certamente l’estensione al 2022 dell'innalzamento della percentuale massima di compensazione IVA applicabile alla cessione di animali vivi della specie bovina e suina fissata in misura non superiore al 9,5%.

Il provvedimento non è stato esteso al settore avicolo come inizialmente previsto durante i lavori del Senato. Una simile misura anche in ambito avicolo avrebbe indubbiamente rappresentato un aiuto concreto ad un settore che sta affrontando una importante crisi legata all’influenza aviaria e all’aumento dei costi delle materie prime e che non ha mai ricevuto aiuti diretti e specifici nel corso degli ultimi anni. .

È stato inoltre previsto lo stanziamento di una somma non inferiore a 30 milioni di euro per l'anno 2022 per il c.d. "Fondo per lo sviluppo ed il sostegno delle filiere agricole, della pesca e dell'acquacoltura" avente ad oggetto misure in favore della filiera delle carni derivanti da polli, tacchini, conigli domestici, lepri e altri animali vivi destinati all'alimentazione umana, nonché delle uova di volatili in guscio, fresche e conservate (art. 1, comma 528).
Sarà estremamente importante seguire l’implementazione della misura nei prossimi mesi in una prospettiva di dialogo tra pubblico e privato che favorisca la giusta allocazione delle risorse e la riduzione delle lungaggini burocratiche.

Al fine di contrastare e prevenire con efficacia la proliferazione di alcune specie di fauna e per prevenire eventuali danni economici e in caso di accertati squilibri ecologici, è stato previsto, in via sperimentale, un fondo con una dotazione di euro 500.000 per l'introduzione in Italia del vaccino immuno-contraccettivo GonaCon.
Il Ministro della Salute, con proprio provvedimento, da emanare entro 60 giorni dall'entrata in vigore della legge di bilancio, autorizzerà la sperimentazione in Italia del già menzionato contraccettivo.

Vi sono infine una serie di misure finalizzate a sostenere la valorizzazione delle produzioni e l'accesso al cibo di qualità.
In questo senso, è stato disposto il rifinanziamento del Fondo distribuzione derrate alimentari agli indigenti, per 2 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023 ed istituito il Fondo per la valorizzazione dei prodotti agroalimentari tradizionali e certificati, con una dotazione di 1 milione di euro per l'anno 2022 per finanziare interventi a beneficio di pubblici esercizi ed attività di ristorazione che valorizzino PAT, denominazioni tutelate o prodotti biologici della propria Regione o di Regioni limitrofe.

Sempre presso il MIPAAF, nasce il Fondo per la valorizzazione internazionale dei patrimoni culturali immateriali agro-alimentari e agro-silvo-pastorali, con una dotazione di 2 milioni di euro per il 2022 di cui 500.000 euro destinati a iscrivere nuove pratiche nel registro UNESCO dei patrimoni dell’umanità.

Vengono infine istituiti, presso il MIPAAF, un Fondo di parte corrente per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell'agroalimentare italiano e un Fondo di parte capitale per il sostegno delle eccellenze della gastronomia e dell'agroalimentare italiano rispettivamente dotati di 20 e 56 milioni di euro suddivisi tra gli anni 2022 e 2023 al fine di valorizzare le eccellenze agroalimentari e i prodotti DOP e IGP.


(Fonte: L'Industria delle Carni e dei SalumiG. Pallavicini - T. Pasetto)