06/05/2022

ASSICA: preoccupazione per nuovo caso PSA a Roma

A quattro mesi dal ritrovamento della prima positività al Nord Italia, il 7 gennaio scorso, non è più possibile temporeggiare: è necessario completare al più presto il posizionamento delle barriere fisiche di contenimento, delle reti ove necessarie, atte ad evitare la movimentazione dei cinghiali dalle zone interessate dal virus ed è urgente avviare una politica di controllo della popolazione dei selvatici.

CONDIVIDI L’ARTICOLO
Torna in alto